Paste your Google Webmaster Tools verification code here

Sheepland

Sheepland

Le diatribe continue, spesso fanno dimenticare perchè e chi ha iniziato la battaglia.

Nell’isola di Sheepland la tranquillità ormai è solo un ricordo lontano, se poi ti rechi nella città di Sheepsburg a provi a chiedere, nessuno saprà dirti chi ha posizionato il primo recinto.

Una cosa è certa da quel momento è partita una vera e propria competizione all’accaparammento delle terre. Ai pastori non importa se si tratti della roccie delle montagne o delle lussureggianti foreste, importa solo controllare i terreni più redditizi per allevare i loro greggi.

Uno sguardo nel gioco:

Caratteristiche del gioco:

numero-di-giocatori 2 – 4 eta-del-giocatore 8 + tempo-di-gioco 30 min
dipendenza-lingua Nessuna regolamento-di-gioco bandiera-italiabandiera-germaniabandiera_inghilterrabandiera-francia


Galleria Fotografica:

Nella scatola:

La scatola quadrata del gioco, attira subito simpatia grazie alla grafica accantivante di Giulia Ghigini, le pecore con i grossi occhi dallo sguardo perplesso e l’indisciplinata pecora nera, che scappa in secondo piano presentano benissimo lo spirito divertente e scherzoso di questo gioco di strategia ideale per introdurre anche i più giovani nelle dinamiche del gioco da tavolo ed apprezzato dai giocatori esperti per partite dal carattere spensierato.

All’interno oltre alle istruzioni troviamo:

  • la plancia di gioco sulla quale è rappresentata l’isola di Sheepland, la grafica segue la linea della confezione, semplice e dai colori sgargianti.
  • 36 tessere terreno con raffigurati i 6 tipi di terreni (6 tessere iniziali e 30 con rappresentato il loro costo).
  • 20 recinti gioco e 12 recinti finali, differenziati dalla grafica recinto di giorno e recinto di notte.
  • 60 Danari (monete), la loro similitudine con la realtà è notevole, i diversi tagli variano sia in dimensione che in colorazione, sono decorati da entrambi i lati ed oltre al loro valore riportano l’effige della pecora. Sicuramente un’idea simpatica che permetterà anche ai più piccoli di associarle alle monete reali.
  • 18 pecore bianche, la forma inconfodibile è realizzata in legno
  • 1 pecora nera, anch’essa in legno, è l’unica variabile lasciata al caso e alla fortuna, anche se … ve lo dico dopo
  • 6 pastori in legno (in 4 colori). Il gioco è per massimo da 4 giocatori, i pastori sono 6 perchè in caso di partite a 2 ogni giocatore userà 2 pastori.
  • 1 dado
  • 1 segnalino primo giocatore

Il gioco:

Le regole del gioco sono semplici e veloci da spiegare, questo permette di poter iniziare a giocare quasi da subito. Pur essendo un gioco di base semplice, le meccaniche del gioco sono state ben congegnate e la dinamica strategica è sottile, non basta specializzarsi in una sola tipologia di terreni od acquistarne molti è necessario racchiudervi all’interno le pecore, contrastare le strategie degli avversari e giocare d’astuzia.

Al termine della partita ogni giocatore dovrà sommare al denaro rimastogli il valore di ogni tessera terreno in suo possesso, che corrisponde al numero totale di pecore posizionate in tutte le regioni di quel tipo di terreno. Il giocatore più ricco è il vincitore.

I ragazzi della Cranio Creations, hanno inserito alcune regole bizzare proprio nel loro stile da giocherelloni che li contraddistingue, volete saperle? Vi dico solo che si parla di accarrazzare pecore e belare per il resto dovrete guardare dentro nella scatola.

Turno di Gioco:

All’inizio di ogni turno il giocatore dovrà far muovere la ribelle pecora nera (che vale 2 punti), con il lancio del dado. Successivamente deve compiere tre azioni, mixando tra le seguenti scelte:

  • Muovere il Pastore (obbligatoria deve essere sempre usata)
  • Muovere una pecora da un territorio all’altro
  • Comprare una tessera terreno

Il numero dei turni è variabile, in quanto legato ai recinti: ogni volta che un pastore si muove posiziona un recinto nella postazione appena lasciata. Terminati i recinti termina la partita.

Ad esempio, se un giocatore durante il suo turno effettua 3 azioni si Movimento pastore, consumerà tre recinti.

I danari possono essere utilizzati sia per acquistare carte terreni che per pagare uno spostamento del pastore, quando questo non è adiacente alla sua attuale postazione. A mano a mano che le carte terreni vengono acquistate le rimanenti aumentano di costo.

Per concludere:

Durante la vostra partita dovrete valutare non solo le vostre mosse, ma anche quelle degli avversari, ricordarvi quali terreni hanno acquistato in modo da poter contrastare la loro tattica. Spostare le pecore per aggevolarvi e ricordate, le pecore non saltano i recenti una volta chiuse in una regione non possono più essere spostate.

Tirando le somme, abbiamo un’isola, delle pecore e dei pastori , gli ideatori avevano forse in mente le vacanze in Sardegna? Non saprei, direi comunque che il risultato è ben riuscito!

Premi e Riconoscimenti:

  • Best of Show 2012 : Vince il Best of Show del Lucca Games 2012 nella categoria Gioco da Tavolo per Famiglie con la seguente motivazione: “Per la cura della confezione e le possibilità di interazione accessibili ma non banali che lo rendono un prodotto divertente per tutti, il premio per il miglior gioco “family” va a Sheepland”
  • Label Ludo 2012: il 18 novembre 2012 è stato nominato tra i 5 giochi finalista per il premio belga nella categoria miglio gioco per famiglie.
  • Ludoteca Ideale 2013: a marzo 2013, dopo la votazione popolare e di giuria entra ufficialmente a far parte dei 10 titoli di Ludoteca ideale nella categoria Giochi da Tavolo. (Ludoteca Ideale, è un marchio di qualità che vuole valorizzare quanto di interessante viene prodotto nel mondo del gioco in lingua Italiana).
  • JUGuinho 2013: il 30 settembre 2013 è il vincitore del premio porteghese Miglior gioco dell’anno per i bambini assegnato da una votazione realizzata sia da una giuria che dai lettori del blog JogoEu

Chi c’è dietro a questo gioco in scatola:

autore-del-gioco Simone Luciani e Daniele Tascini
illustratore-gioco Giulia Ghigini
project-manager-gioco Noa Vassalli e Lucas Kowal
lingua-gioco Alessandro Prà
casa-produttrice-del-gioco Cranio_CreationsCranio Creations s.n.c.
anno-di-produzione-del-gioco 2012

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *