Paste your Google Webmaster Tools verification code here

La Mossa del Pinguino

La Mossa del Pinguino

Giovedì 6 marzo 2014, esce nelle sale cinematografiche il film di debutto alla regia di Claudio Amendola:

La mossa del pinguino.

con Edoardo Leo, Ricky Memphis, Ennio Fantastichini, Francesca Inaudi, Antonello Fassari.

La trama racconta le vicende di quattro uomini, che spinti da una voglia di riscatto pensano di mettere assieme una squadra di curling, gioco olimpico poco conosciuto in Italia, per andare alle olimpiadi che si terranno l’anno successivo a Torino.

Ambientato nel 2005, il film riporta sullo schermo la vera commedia italiana, fatta di molte risate provocate non dall’uso della volgarità ma sulla sottile ironia di raccontare una realtà, in cui la comicità è alternata a momenti di amara consapevolezza.curling_1

Il curling è un pretesto intorno al quale vengono raccontate le vicende umane dei personaggi, che vivono in un concetto di povertà e solitudine che rappresenta molto la situazione odierna con problemi di soldi, di lavoro, di famiglia, dove però c’è ancora un desiderio di riscatto sociale.

Durante le scene del film si scoprono le caratteristiche dei personaggi, dal disoccupato con la sintome di peter pan che trascina tutti nell’avventura, al precario che si fa trascinare dall’amico, allo spaccone che non vuole arrendersi al tempo che passa esperto di boccette, al pensionato campione di bocce. Il loro modo di approcciarsi alla vita, si rispecchia nel loro modo di giocare a curling, c’è chi come il pensionato che “sboccia” e chi utilizza la teoria dell’accosto.

curling_2

Il film è un susseguirsi di escamotage, scappatoie, scivoloni sul ghiaccio e improbabili allenamenti notturni, utilizzando scopettoni, pentole a pressione e sacchi della spazzattura, in cui riscoprono ambizione e voglia di vincere.

normal_CompactCurling_001Sicuramente se i protragonisti avessero avuto il compact curling, avrebbero potuto affinare la loro tecnica e la loro strategia con qualche caduta e qualche livido in meno.

Con la scatola sotto braccio, sarebbero potuti andare a giocare ovunque.

Srotolato il campo di gioco, una passata di spugna, ed ecco il luogo ideale per allenare e provare le diverse tecniche, dallo “sbocciare” lo stone avversario, ad accostarsi al centro, a creare una barriera difensiva.

E chissà, magari sarebbero riusciti ad evitare di rompere qualche oggetto!

Tipologia Commedia
Durata 90 minuti
Regia Claudio Amendola
Sceneggiatura Claudio Amendola, Edoardo Leo, Michele Alberico, Giulio di Martino
Produzione DAP Italy – De Angelis Group con il contributo del MiBAC
Distribuzione Videa

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *